Più poliziotti in strada come regalo di Natale

Come regalo di Natale cento poliziotti in più per salvare le strade di Genova. No a un aumento, invece, per gli agenti in servizio a Marassi per le partite di calcio. Sì all'aumento della presenza sul territorio, da Sampierdarena al Campasso, ma anche nel levante genovese e nei vicoli del centro storico, delle forze di polizia.
Sono alcuni dei temi affrontati ieri sera durante la conferenza dibattito all'hotel Bristol organizzato dal circolo culturale L'Oblò che ha invitato al tavolo principale il questore di Genova Salvatore Presenti, il coordinatore regionale di Forza Italia Michele Scandroglio, il consigliere regionale di Forza Italia Matteo Rosso. Moderatore, il caporedattore della redazione genovese del Giornale Massimiliano Lussana. Durante il dibattito c'è stata una raffica di domande e interventi da parte delle oltre duecento persone intervenute.
«Entro la fine dell'anno - ha annunciato il questore - arriverà a Genova un contingente di poliziotti di rinforzo. Non sappiamo ancora esattamente il numero, ma qualcuno dice un centinaio. Occorre impiegare questi uomini e abbiamo bisogno di altri mezzi per rafforzare la presenza sul territorio genovese degli agenti, da ponente a levante. Sulla soppressione del commissariato di Nervi, che sta suscitando preoccupazione fra la popolazione del levante, non posso dire nulla anche perché finora non è stato deciso niente. Se i dati dicono che Genova è una città sicura, occorre distinguere. Prima di tutto ci si riferisce alle altre città italiane, poi bisogna tenere conto delle zone. In alcuni quartieri ci sono dei problemi, come al Campasso dove l'ottanta per cento delle abitazioni è occupato da ecuadoriani. Sono favorevole al ricongiungimento famigliare degli extracomunitari in regola perché se hanno la famiglia accanto delinquono meno. Nel centro storico abbiamo ancora il problema dei marocchini e degli albanesi, ma soprattutto con chi, anche prostitute, vengono in Italia per fare soldi in fretta, non seguono i loro doveri, e poi lasciano il nostro paese».
Dall'emergenza sicurezza a quella politica. Ieri sera Matteo Rosso ha lanciato la proposta di organizzare un referendum contro la legge regionale sull'immigrazione. «Pochi lo sanno - spiega il consigliere regionale di Forza Italia - ma la legge regionale favorisce l'immigrazione anche clandestina e penalizza i residenti liguri».