Più poteri a prefetti e Protezione civile

Lo «stato d’emergenza» è previsto dalla legge 225 del 24 febbraio 1992 che ne prevede la decretazione da parte del Consiglio dei ministri, nel caso di «calamità naturali, catastrofi o altri eventi che debbono essere fronteggiati con mezzi e poteri straordinari». Al verificarsi di questi eventi, come a esempio la crisi rifiuti che ha colpito la Campania, il Consiglio dei ministri delibera lo stato di emergenza, determinandone durata ed estensione territoriale in riferimento alla natura degli eventi, delegando quindi alla Protezione civile o ai prefetti poteri, competenze e disponibilità di fondi straordinarie.