Più poteri a Price Lunedì il consiglio

Popolare di Intra

Quarto trimestre all’attenzione del consiglio di amministrazione lunedì alla Banca Popolare di Intra dove continua la ricerca di un partner. Numeri fondamentali per valutare lo spazio di manovra dell’istituto che dopo la severa pulizia di bilancio per superare le conseguenze del crac Finpart, è finito al centro dell’interesse di altre popolari. A partire da quella di Vicenza (azionista con il 5%) ma la situazione è monitorata da anche da Bper e Bpm, Bpu e Creval cui si sono aggiunte le voci su un intervento di Veneto Banca. Prosegue intanto il lavoro di Pricewaterhouse che ha ottenuto un allargamento del mandato per la valutazione della congruità degli accantonamenti alla luce dei rilievi di Bankitalia. Ad anticiparlo è stata ieri l’agenzia Radiocor ricordando che la Vigilanza dovrebbe stilare il verdetto entro fine mese. Altro advisor di Intra è Mediobanca che ha lavorato al nuovo piano strategico in cui sono previste forme di «autonomia condivisa» con una popolare di dimensioni analoghe o comparabili.