Più soldi per Livingston

É stata fissata per il 16 settembre l’assemblea dei soci di Livingston, la società ex-Ventaglio oggi di proprietà del produttore cinematografico Massimo Ferrero, che ne è presidente (foto). In quella sede sarà deliberato un aumento di capitale - non ancora quantificato - che andrà a sostenere il piano di rilancio in corso di elaborazione. Ferrero ha già garantito la ricapitalizzazione, come aveva già assicurato la liquidità necessaria, poche settimane fa, per superare un momento delicato con alcuni fornitori, a cominciare dalla Sea, la società che gestisce l’aeroporto di Malpensa, dove Livingston ha sede. Per sostenere il futuro piano di rilancio sarà necessario ricorrere temporaneamente alla riduzione della flotta da sei a tre aerei (saranno dismessi un Airbus 330 e due A 321) e alla possibile cassa integrazione per un numero ancora imprecisato di dipendenti, che in tutto sono 500.