«Più tasse e debiti» No del centrodestra al bilancio 2006

«No» al bilancio di previsione 2006. Forza Italia, Alleanza nazionale e Lega nord bocciano lo strumento finanziario cardine dell’amministrazione provinciale. Voto contrario all’unanimità dell’opposizione che grazie agli emendamenti presentati e accettati ha contribuito - come riconosciuto dallo stesso Penati e dalla sua maggioranza - ad aumentare gli impegni di spesa sul fronte del sociale e sui temi dello sviluppo e dell’ambiente.
Ma, chiosa Bruno Dapei (Forza Italia), «è il bilancio che aumenta le tasse pure se dalla Regione e dallo Stato sono arrivati più soldi ed è il bilancio che aumenta i debiti». Ma, aggiunge Pietro Accame (Fi), è anche «lo strumento che non mette un-euro-uno per i nuovi asili, bocciando quindi il nostro emendamento pro-nido che il ragioniere capo di Palazzo Isimbardi ha pur giudicato “tecnicamente ammissibile”». Quadretto di un «no» compatto che Giovanni De Nicola (An) completa «con l’assenza di interventi economici per limitare i disagi abitativi nonostante le tantissime promesse elettorali fatte dalla sinistra».
E se Fabio Meroni (Lega) pur ringraziando l’assessore Gigi Ponti «per l’attenzione dedicata alla Brianza» dà un voto contrario «perché mancano sufficienti garanzie», Paola Frassinetti (An) parla di «scelte sulla mobilità ancora rimandante perché la maggioranza non trova un accordo». Considerazioni attorno ai 466 milioni di spesa approvati, come da copione, con ventotto voti favorevoli su ventotto.