Più tasse sui superalcolici in soccorso del Palio di Siena

La proposta è dell’Udeur che vorrebbe colpire anche i fumatori e chi gioca al lotto

da Roma

Superalcolici più cari, con un aumento dello 0,5 per cento della tassa applicata a whisky e cognac, per esentare dal pagamento delle imposte i senesi che lavorano alla preparazione del famoso Palio. Tra gli emendamenti al decreto fiscale collegato alla Finanziaria, che da oggi sarà votato alla commissione Bilancio e Finanze della Camera, è spuntato anche un aiutino ai contradaioli che ogni estate si cimentano con la tradizionale corsa di cavalli in piazza del Campo, firmato da alcuni deputati dell’Udeur. Tra le proposte di modifica spuntano anche altre novità che, se verranno approvate, cambieranno la manovra. Un emendamento firmato da deputati della maggioranza ridimensiona le agevolazioni previste per gli immobili riconosciuti di interesse storico e artistico (per i quali viene applicata la minore fra le tariffe d'estimo previste per le abitazioni della zona) e prevede che tali agevolazioni vadano previste soltanto per gli immobili che siano adibiti ad uso abitativo.
Altri emendamenti vanno nella direzione indicata dal governo e ammorbidiscono le sanzioni per la mancata emissione dello scontrino fiscale, limitando il periodo di chiusura del negozio fra 1 e 3 giorni. Per eliminare la controversa norma sulle donazioni e successioni, un gruppo di deputati Udeur propone invece un aumento delle sigarette del 4 per cento oppure un aumento della ritenuta unica sulle vincite al lotto dal 6 al 10 per cento. Allo stesso scopo, altri deputati della maggioranza chiedono di reintrodurre un contributo di solidarietà del 4 per cento per i redditi alti.
Numerosi gli emendamenti da parte delle opposizioni che puntano in particolare alla soppressione della norma per le successioni. E, dalla Lega, c'è chi auspica l'introduzione di una tassa di soggiorno per gli immigrati di 300 euro.
Novità in arrivo anche sul bollo per le moto. L'emendamento del governo al decreto legge collegato alla Finanziaria è stato ritirato e sarà presentata per domani una riformulazione. La modifica presentata venerdì dall'esecutivo prevedeva, tra l’altro, l’estensione dell’esenzione del pagamento del bollo sulle auto euro4 o euro5 a motorini e moto euro3. Brutte notizie per i commercialisti: salta il compenso per i professionisti che prestano l'assistenza per la compilazione dei modelli 730, del quale godono i Caf dei sindacati e delle associazioni di categoria. Salta anche l’emendamento che eliminava l'imposta sostitutiva del 12,5 per cento sulle plusvalenze realizzate dalla vendita di terreni edificabili. Altri emendamenti di maggioranza ma anche di opposizione, mirano a impedire la vendita di immobili di Poste italiane.