«Più tempo per salvare la società»

Finpart

Finpart ha chiesto al Tribunale fallimentare di Milano tempo fino alla fine di settembre, per completare il piano di ristrutturazione della società. Il gruppo tessile, contro cui sono state presentate delle istanze di fallimento, ha chiesto di utilizzare le norme sugli accordi di ristrutturazione del debito previste nella riforma del diritto fallimentare. È quanto è emerso nel corso dell’udienza di ieri presso il Tribunale che si è riservato di decidere. Il presidente ha affermato di voler prendere una decisione in tempi brevi. La nuova normativa sulla ristrutturazione del debito prevede un accordo con i creditori (per almeno il 60% per cento dei crediti), insieme a una relazione di un esperto sull’attuabilità dell’accordo. Il piano di risanamento annunciato a fine mese scorso prevede il pagamento di parte dei debiti attraverso risorse derivanti dai contratti di cessione e di affitto delle attività operative, senza ricorso a nuovi debiti.