Piacenza, coltivava funghi allucinogeni in casa Arrestato un trentenne che organizzava i rave

I Carabinieri di Piacenza dopo una perquisizione hanno arrestato un pregiudicato che organizzava rave party a base di sostanze stupefacenti<br />

Piacenza- Organizzava feste e party in cascine abbandonate del Nord Italia offrendo ai suoi ospiti funghi allucinogeni. Un pregiudicato italiano di 30 anni, gestore di un sexy shop è stato arrestato dai carabinieri di Piacenza che hanno sequestrato 150 gr. di funghi in crescita, 20 grammi tritati e 10 interi, nonchè 15 grammi di hashish e diversi semi di marjiuana.

La coltivazione casalinga, molto delicata, è stata scoperta nel corso di una perquisizione. Un’intera stanza dell’abitazione dell’arrestato era stata attrezzata con serre con acqua e terra sterilizzata provenienti da zone selezionate del fiume Trebbia: le spore dei funghi potevano così germinare. Il fungo pericoloso è il  “San Isidro”, un allucinogeno messicano.

In Italia la normativa vigente vieta la coltivazione, la vendita, e il consumo di questo genere di funghi, equiparandone il loro uso a quello di una qualsiasi droga con quello che ne consegue a livello penale.