Piaggio lancia dal Vietnam la sfida asiatica a Honda e Yamaha

Parte da Hanoi la sfida di Piaggio a Honda e Yamaha in Asia: in Vietnam il gruppo italiano inizierà, infatti, a produrre la Vespa (nella foto, il primo scooter assemblato nello stabilimento di Vinh Phuc, ad Hanoi). Nel distretto industriale della capitale vietnamita la casa motociclistica guidata da Roberto Colaninno ha costruito, a tempo di record e con un investimento di 30 milioni di dollari, una fabbrica che occupa 300 dipendenti. Nel 2009 vi si produrranno 25mila Vespa, che diventeranno 75mila nel 2010. A regime la produzione potrebbe arrivare a 100mila veicoli. In Vietnam si vendono 2 milioni di ciclomotori, tutti Honda (1,1 milioni) e Yamaha (900mila). «Perché non diventare anche qui loro concorrenti diretti?», ha detto ieri Colaninno. La fabbrica, per l’imprenditore mantovano, rappresenta «il completamento della nostra strategia in Asia. Non si tratta di un piano di delocalizzazione. Il Vietnam servirà tutto il Sudest asiatico e l’Australia». Ad accompagnare Colaninno nella visita alla fabbrica vietnamita c’era ieri il ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola.