Pialat e la vita senza «abbellimenti»

Per la prima volta in Italia, l’Accademia di Francia presenta, da venerdì 5 a domenica 14 marzo, la retrospettiva integrale dell’opera di un grande maestro del cinema francese, Maurice Pialat., regista, attore e sceneggiatore scomparso nel 2003. «Sous le soleil de Pialat» è un progetto ideato e voluto dall’Accademia di Francia per tentare di riscoprire il cinema di un autore importante, forse sconosciuto al grande pubblico italiano, difficilmente collocabile nel panorama della produzione francese, lontano da mode, tendenze e scuole, e che ha girato autentici capolavori quali Loulou, L’amante giovane, Ai nostri amori, Sotto il sole di Satana (vincitore a Cannes nell’87), Van Gogh e Le Garçu. Il cinema di Pialat racconta l’esistenza umana senza artifici; offre allo spettatore una realtà fedele alla dimensione di nefandezza e crudeltà che la vita riveste, attraverso il documentarismo autobiografico, l’indagine sulla psicologia dei personaggi, la disgregazione familiare, ecc. L’Accademia di Francia gli rende omaggio proiettando i suoi dieci lungometraggi; due cortometraggi, L’Amour existe (1961) - che lo ha segnalato come miglior talento a Venezia - e Janine (1962); e una serie di cortometraggi sulla Turchia Chroniques turques (1962 -1964) che documentano in modo eccezionale la vita quotidiana del popolo turco e la ricchezza di questo paese. Film in versione originale con sottotitoli in italiano. Le proiezioni verranno ospitate a Villa Medici (viale Trinità dei Monti, 1). Info: 06. 67 61 1. Ingresso Intero: 6 euro Ridotto: 4 euro