Il pianista Francesco Piemontesi ospite della Società del Quartetto

Oggi, al Conservatorio (ore 20.30, 02.76005500, www.quartettomilano.it), il pianista svizzero Francesco Piemontesi, ospite della Società del Quartetto nell’ambito della 146ma stagione concertistica, eseguirà un variegato quanto entusiasmante programma: Haydn (Variazioni in fa minore), Janácek (Sonata 1.X.1905), Beethoven (Sonata n. 28 in la maggiore op. 101), per chiudere con Schumann (Kreisleriana op. 16, Toccata in do maggiore op.7). Piemontesi, nato a Locarno, al Quartetto porta un programma che intende sottolineare la molteplice varietà di forme e stili della musica per tastiera. Sembra difficile infatti immaginare un contrasto più marcato tra la scrittura logica e razionale di Haydn e il carattere impressionistico di quella di Janácek. Così come il pianoforte del giovane Schumann esprimeva le aspirazioni artistiche di una nuova generazione, attraverso immagini frammentarie e illuminate dal baleno di una fantasia visionaria, laddove il pensiero di beethoven s’inerpicava con le ultime Sonate per pianoforte sul sentiero di una riflessione sempre più ascetica e solitaria sul significato profondo di cinque decenni irripetibili di musica viennese.