Il piano casa del governo

Aumento delle cubature fino al 35% per
gli immobili destinati ad uso residenziale. Interventi per i
quali è sufficiente una denuncia di inizio attività. Questi i
punti sostanziali del piano straordinario per la casa che il
governo Berlusconi è pronto a varare nel Cdm del 27 marzo

Roma - Aumento delle cubature fino al 35% per gli immobili destinati ad uso residenziale, se si ricorre alla bioedilizia, ad esclusione delle aree con vincolo di inedificabilità assoluta, degli immonili abuisivi e degli immobili privati situati su area demaniale. Interventi per i quali è sufficiente una denuncia di inizio attività. Questi i punti sostanziali del piano straordinario per la casa che il governo Berlusconi è pronto a varare nel Cdm del 27 marzo.

AUMENTI CUBATURA 20%
L’ampliamento dell’unità immobiliare non può essere superiore complessivamente al 20% del volume dell’unità se destinato as uso residenziale o della superficie coperta se adibito ad uso diverso. L’unità immobiliare deve essere già stata ultimata al 31 dicembre 2008, in forza di titolo abilitativo, anche in sanatoria. I volumi non possono eccedere il limite di 300 metri cubi per unità immobiliare destinata ad uso abitativo ma ci si può avvalere dell’asservimento dell’aumento volumetrico spettante ad altra unità immobiliare contigua. L’altezza della nuova fabbrica non può superare di oltre quattro metri l’altezza massima prevista dagli strumenti urbanistici vigenti.

AUMENTI CUBATURA 35%
Qualora si utilizzino tecniche costruttive di bioedilizia o che prevedano il ricorso ad energie rinnovabili l’aumento della cubatura è del 35%.

VIA AI LAVORI CON LA DIA
Gli interventi edilizi di ampliamento della cubatura possono essere avviati con una denuncia di inizio attività (Dia), da presentare entro un anno dall’entrata in vigore della legge. Nella bozza si spiega che la presenza di tutte le condizioni previste dalla legge deve essere sottoscritta, sotto propria responsabilità, da un progettista abilitato che sottoscrive la Dia.

DOVE NON È POSSIBILE AUMENTARE LE CUBATURE
Gli aumenti di cubatura non possono essere attuati nelle aree su cui grava il vincolo di inedificabilità assoluta (compresi parchi nazionali, regionali o aree naturali e archeologiche), sugli immobili abusivi oggetto di ordinanza di demolizione e sugli immobili situati su area demaniale.

IMMOBILI NON VINCOLATI NEL CENTRO STORICO
La denuncia di inizio attività deve essere presentata anche alla competente Soprintendenza, che può imporre entro trenta giorni ulteriori modalità costruttive con particolare riguardo al rispetto del contesto storico, architettonico e ambientale.

AUMENTI CUBATURE NON CUMULABILI
Gli interventi di aumento della cubatura del 20% e del 35% non sono cumulabili.