Il piano di Prodi: più vacanze per tutti

Forse sarà l’unico punto su cui l’Unione riuscirà a unirsi davvero, dopo la raffica di no al programma del Professore. In termini più «programmatici», si tratta della «vacanza come diritto sociale», come si legge nel paragrafetto su «La patria dei cento turismi» della bozza di programma capitolo “Reagire al declino. Una nuova economia, una nuova qualità ambientale, una nuova società”. L’Unione ha una programma preciso: «Rifinanziare la legge che ha istituito il Fondo per il prestito e il risparmio turistico e creato i “buoni vacanza”, rimasta inapplicata».