Piazza Affari chiude in calo, Mibtel-0,95%, scivolano i titoli finanziari

Chiusura in calo per Piazza Affari, in linea con le principali Borse europee, penalizzate dall'andamento negativo di Wall Street. Hanno pesato le indicazioni pessimistiche sul fronte immobiliare Usa con le vendite di case esistenti a gennaio diminuite del 5,3%, il livello più basso degli ultimi 12 anni. Il Mibtel ha ceduto lo 0,95%, l'S&P/Mib l'1,41%, mentre l'All Stars ha chiuso in rialzo dello 0,38%. Fra le «blue chip» in deciso calo il comparto finanziario, nel giorno della firma da parte del ministro dell'Economia Giulio Tremonti del decreto che dà il via libera alla sottoscrizione, da parte del Tesoro, di obbligazioni emesse dalle banche italiane, con una cedola annuale iniziale compresa fra il 7,5 e l'8,5%. Fra i titoli peggiori Bpm (-5,6%) mentre proseguono i rumors su possibili cambi al vertice, Ubi (-5,9%) e Banco Popolare (-5,2%). In controtendenza Mediolanum (+3,4%) e Intesa Sanpaolo (+0,4%), invariata Mediobanca, perdite contenute per Unicredit (-0,46%). In deciso calo gli assicurativi Unipol (-7,3%), Alleanza (-6,2%), Generali (-3,9%) e Fonsai (-5,2%). Vendite su Telecom che ha ceduto il 4,7% scendendo sotto quota 0,9 euro in attesa del cda di venerdì sui conti, Prysmian (-4,2%), Mondadori (-4%), Pirelli (-2,9%), Atlantia (-2,6%) e Fiat (-2,1%). In controtendenza L'Espresso che ha guadagnato il 6,6% dopo la diffusione dei conti 2008. Denaro sui titoli del settore costruzioni, Italcementi (+4,4%) e Impregilo (+4%), sostenuta anche dalle dichiarazioni del ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli sul possibile via libera entro il 2009 a gran parte delle opere infrastrutturali, fra cui il Ponte sullo Stretto di Messina, previste nel piano da 16,6 miliardi di euro varato dal governo. Bene Fastweb (+3,4%) in attesa dei conti, Saipem (+2,4%) e Finmeccanica (+1,8%), Autogrill (+1,6%) e Parmalat (+1,4%). Sul completo male Uni Land (-7,6%), Mutui OnLine (-7,6%), Safilo (-7%) e Beni Stabili (-6,1%). In deciso rialzo Dmt (+13,9%), Banca Profilo (+11,2%) e Banca Carige (+6,7%). Le Borse estere. Chiusura a doppia velocità per le principali borse europee. Il Cac 40 ha perso lo 0,41%, il Dax l'1,27%, mentre l'Ftse 100 ha guadagnato lo 0,8%. Diversi tentativi di rialzo sono stati annullati dall'andamento di Wall Street, condizionata dai timori per il mercato immobiliare e il settore bancario.Tra i settori, l'indice Stoxx delle banche ha comunque messo a segno, a livello europeo, il 3,6%. Bene anche gli assicurativi (+2,6%). Male invece auto (-3,7%) e tecnologici (-3,4%).