Piazza Affari chiude in calo con Wall Street, Ftse Mib -0,22%,

Piazza Affari chiude in calo una seduta poco brillante. L'indice Ftse Mib ha segnato un -0,22% a 22.683 punti, mentre l'All Share ha guadagnato lo 0,15%. Dopo un'apertura negativa sulla scia dei mercati asiatici e della decisione della Banca centrale cinese di alzare i tassi di interesse per la terza volta in quattro mesi, gli indici avevano oscillato intorno alla parita, per azzerare le perdite e virare in lieve rialzo, poco dopo l'apertura di Wall Street, e tornare in calo nell'ultima mezz'ora, in linea con la Borsa di New York. Sul paniere principale, segno meno per il comparto finanziario,con Ubi (-1,89%), Mediobanca (-1,75%), Intesa Sanpaolo (-1%), Unicredit (-0,37%) e Generali (-0,82%). In controtendenza Fonsai (+1,48%). Ma il miglior titolo del listino principale è Buzzi che vola (+7,05%) a 10,18 euro, all'indomani dei risultati preliminari del 2010. In deciso rialzo anche Fiat Industrial (+2%) e Pirelli (+1,36%). Exor guadagna lo 0,96%, mentre Fiat spa cede lo 0,82%. Nell'energia Enel +0,70%, Eni -0,49% e Snam +1,24%. Bene Mediaset +1,65%. Maglia nera del listino a Diasorin (-4,22%) dopo che Berenberg Bank ha tagliato il giudizio da «buy» a «sell».
Le Borse estere. Chiusura in calo anche per le altre Borse europee. Il Dax a Francoforte perde lo 0,03%, il Cac di Parigi lascia sul terreno lo 0,43% e il Ftse 100 di Londra cede lo 0,64%.