Piazza Affari chiude in calo con Wall Street, Ftse Mib -0,31, sale Pirelli

Chiusura di seduta in calo per la Borsa valori, che risente nel finale delle incertezze di Wall Street e termina sui minimi di giornata. L'indice Ftse Mib registra una perdita dello 0,31% a 21.704 punti, mentre l'All Share cede lo 0,27%. Scambi in calo, a 1,8 miliardi di euro. Seduta interlocutoria per Piazza Affari, che, reduce da una settimana di rialzi consecutivi, ha dimostrato oggi fiato corto e scarsità di idee, con la quota che ha subito diversi dietrofront. All'avvio il listino ha subito segnato il massimo (+0,5%) finendo poi con l'oscillare intorno alla parità e chiudendo in calo, dopo che Wall Street ha aperto su basi poco solide. Positive le banche: rialzo per Mediobanca (+0,86%), Banco Popolare (+0,65%) e Bpm (+0,51%), Intesa è sul -0,19%, Unicredit cede l'1,16%. Tengono gli assicurativi, balza ancora Mediolanum con un +1,53%. Pirelli realizza un guadagno dell'1,52%, dopo l'annuncio, la scorsa settimana, di un ritocco dei listini dei pneumatici. In campo industriale bene Finmeccanica (+0,52%), ribasso per Fiat (-1,02%). In calo Telecom (-2,71%) nella settimana del cda che approverà i conti 2009. Oggi un quotidiano ha scritto che il dossier fusione con Telefonica sarebbe stato congelato, e che il gruppo penserebbe di posticipare di un anno i target economici. Tra i tecnologici sale St (+1,03%). Nell'energia Enel sulla parità, Eni -0,29%, bene Saipem (+0,36%) e Tenaris (+1,22%) di riflesso all'acquisizione effettuata nel settore dei servizi petroliferi da Schlumberger, che ha rilevato Smith Int. Terna +0,51% su un report positivo. Sul resto del listino giù Parmalat e Campari, ribassi per Cir (-2,4%) e L'Espresso (-2,8%). Boom per gli immobiliari, con Risanamento +6,49%, Gabetti +8,63%; Beni Stabili sale del 10,50% sulla prospettiva di trasformazione in Siiq (Società di investimento immobiliare quotata).
Le Borse estere. Chiusura in calo per le Borse europee . A Londra l'indice Ftse 100 perde lo 0,11%. A Francoforte il Dax scende dello 0,59% e a Parigi il Cac 40 cala dello 0,34% .