Piazza Affari chiude in netto ribasso, Ftse Mib -1,65%. Giù banche e Fiat

Finale di seduta negativo per la Borsa, che ha peggiorato nelle ultime battute il bilancio della giornata, chiudendo con un -1,65% dell'indice Ftse Mib, a 14.119 punti. All Share a -1,37%. Una riunione volatile e incerta per Piazza Affari fino al giro di boa del pomeriggio, quando ha puntato decisamente al ribasso. Gli investitori hanno evitato di prendere iniziative in attesa di eventuali mosse della Federal Reserve, che oggi dovrebbe annunciare nuove misure di stimolo. Momenti delicati anche sul fronte greco, con il governo che deve adottare nuove misure di austerità, su invito del Fmi. In difficoltà le banche, come sempre toccate dai timori sul default greco, in una giornata in cui tra l'altro lo spread Btp-bund ha toccato i 399 punti. Banco Popolare perde il 4,07%, Ubi il 3,27%, Intesa il 3,01%, Unicredit il 2,87%. Male anche Mediobanca che perde il 3,25% e approva un bilancio con utile in lieve calo e svalutazioni su titoli greci per 108 milioni di euro. Male Fiat (-6,22%) sul downgrade di Moody's che ha abbassato il rating, con outlook negativo. Bene per contro Fiat Industrial (+3,32%). In calo Exor (-2,22%), nel settore auto giù Pirelli (-2,20%). Balzo di Ansaldo (+7,62%) su nuove voci circa la vendita. Debole Mediaset (-5,32%) con un'offerta che qualcuno riconduce al momento difficile del governo Berlusconi; Mondadori a sua volta perde il 3,75%. Sul resto del listino spicca il +9,86% di Marcolin.
Le Borse estere. Le Borse europee chiudono in calo: lo spettro di un default greco continua ad agitare i mercati, anche se le nuove misure di austerità annunciate dal governo Papandreou sembrano rassicurare almeno la Borsa di Atene, che chiude in rialzo dello 0,7%. Le vendite non appaiono particolarmente concentrate sui bancari, e a indossare la maglia nera è infatti Francoforte, dove il comparto industriale ha maggior peso. L'indice Dax perde il 2,52%, con Lufthansa (-5,12%) e Rwe (-3,93%) tra i titoli più colpiti. Il Ftse 100 di Londra cede l'1,71%, il Cac 40 di Parigi scivola dell'1,53% el'Ibex di Madrid arretra dell'1,83%.