Piazza Affari chiude in rialzo: Mibtel +0,88%, bene Telecom,

Chiusura in rialzo per Piazza Affari, in controtendenza rispetto alle principali Borse europee e all'andamento di Wall Street, in una seduta caratterizzata da numerose trimestrali. Il Mibtel ha guadagnato lo 0,88%, l'S&P/Mib lo 0,68%, l'All Stars lo 0,75%. Tra le blue chip, in evidenza Telecom che è tornata sopra quota un euro a 1,008, in rialzo del 4,7%: il gruppo in una nota ha precisato che il mandato alle banche relativo alla controllata Sparkle è finalizzato alla ricerca di un partner per la cessione di una quota di minoranza, ad eccezione di alcuni asset particolari (Lan Nautilus Sud America e altri minori) che, qualora se ne presentasse l'opportunità, potranno essere ceduti anche integralmente. Denaro su Fiat (+3,1%), complice l'upgrade di Morgan Stanley sul titolo a «overweight», mentre proseguono le trattative per l'acquisizione di Opel. Bene Mondadori (+3,9%), Enel (+2,43%), che ha diffuso i conti del primo trimestre chiusi con un utile netto in forte crescita - +101,5% - a 1,9 miliardi, Eni (+2,4%), Saipem (+3,5%), e i finanziari Alleanza (+2%), dopo i conti trimestrali chiusi con un utile netto di 74,4 milioni, Generali (+1,4%) e Bpm (+2,1%). Positiva Mediobanca (+0,65%), dopo i conti dei nove mesi chiusi con un utile netto in calo a 39 milioni. In deciso ribasso, invece, Banco Popolare (-6,8%), seguita da Ubi (-3,1%), Bulgari (-2,3%), Ansaldo (-2,3%), Cir (-2,2%) e Impregilo (-1,8%). Debole Mediaset (-1,6%) in attesa dei conti. Sul listino completo sugli scudi Banca Generali (+19,4%): l'istituto ha comunicato ieri di aver chiuso il primo trimestre con un utile netto pari a 5 milioni. Rally di Dmt (+28,5%), dopo i risultati trimestrali, e degli immobiliari Pirelli Re (+15%) e Risanamento (+19,1%) spinta dalle attese su novità per l'ex area Falck. In deciso rialzo Safilo (+10,3%), bene Seat (+3,1%) dopo i conti del primo trimestre. In calo Tiscali (-4,1%) e Astaldi (-4,6%).
Le Borse estere. Chiusura in calo per le principali Borse europee che, dopo una prima parte della seduta in rialzo, hanno invertito rotta in scia all'andamento negativo di Wall Street. A Londra l'indice Ftse 100 arretra dello 0,22%,giù dello 0,54% il Cac 40 di Parigi, arretra infine dello 0,26% il Dax di Francoforte.