Piazza Affari chiude in ribasso, Ftse Mib -1,24%. Giù unicredit e Fonsai

Chiusura di seduta in ribasso per la Borsa valori, che va controtendenza rispetto ai principali mercati europei e non riesce neanche a beneficiare del buon andamento di Wall Street. L'indice Ftse Mib segna un calo dell'1,24%, a 21.184 punti, mentre l'All Share cede l'1,08%. Per Piazza Affari una seduta difficile, con un illusorio rialzo in avvio sui dati di crescita della produzione in Cina a ottobre, e poi l'inversione di tendenza. Milano ha pagato dazio al pessimismo e alle prese di beneficio, unica Borsa in Europa a parte Madrid, dove il passivo è stato anche più pesante. Non sono serviti i buoni dati Usa, come l'indice Ism manifatturiero e la spesa per costruzioni migliori delle attese, e la tonicità di New York, dove peraltro si attendono notizie dalla riunione Fed di martedì e mercoledì. Il giorno festivo non ha influito sugli scambi, comunque attestati sui 2,2 miliardi di euro. Debacle per il gruppo Ligresti, con FonSai che cede il 5,16%: Premafin meno 6,14%, dopo i rialzi di venerdì conseguenti all'annuncio dell'ingresso di Groupama nel capitale della compagnia assicurativa. Male comunque tutti i finanziari, con Generali -1,71% e Unipol -2,30% in ambito assicurativo; Unicredit perde il 3,63% nei giorni che vedono il varo operativo della Banca unica, mentre Bpm segna -2,16%, Banco Popolare -2,33%, Intesa -1,48%. Nell'energia giù A2A (-1,79%), Eni vicina alla parità (-0,25%) su un report favorevole di Credit Suisse, Enel -0,61% dopo l'esito inferiore alle aspettative del collocamento di Egp, sulla parte bassa della forchetta di prezzo: su Terna (+0,90%). Nell'industria sale Tenaris (+1,14%: Pirelli a +0,81%, Ansaldo +0,76%. Bene Indesit (+1,74%) e Piaggio (+1,34%). Tra le altre blue chip Fiat cede lo 0,90% anche dopo le anticipazioni di Federauto su un ottobre nero per le vendite. Nell'immobiliare Prelios cede il 4,74%. Solito balzo per la Lazio, che sale del 24,27%, si muove anche Juventus con un +4,52%.
Le Borse estere. Chiudono miste le borse europee: il Dax di Francoforte termina a +0,05%; a Parigi il Cac 40 guadagna lo 0,2%; a Londra l'Ftse 100 segna +0,34%. L'Ibex a Madrid perde l'1,51%.