Piazza Affari chiude sui massimi, Ftse Mib +1,08% Ok Geox, giù Telecom

Piazza Affari chiude la seduta in netto rialzo e, nonostante un passaggio in negativo in scia all'apertura debole di Wall Street, si ferma sui massimi di giornata, con il Ftse Mib in rialzo dell'1,08% a 21.068 punti e l'All Share +1,1%. In calo gli scambi, per un controvalore complessivo di 2,5 miliardi di euro. La seduta, cominciata di slancio, ha risentito nel pomeriggio di dati poco soddisfacenti arrivati dagli Usa sulla vendita di case a gennaio e sulla fiducia dei consumatori a febbraio; Milano ha poi recuperato terreno insieme all'Europa, in scia ai riflessi positivi della revisione al rialzo del Pil americano del quarto trimestre 2009, che ha riportato ottimismo anche a Wall Street. Geox festeggia i conti e la decisione di distribuire la cedola agli azionisti con un balzo del 9,43% e il nuovo massimo del 2010 (fissato a 5,03 euro); i conti 2009, comunicati ieri a mercato chiuso, spingono anche Parmalat (+3,29%). Ancora una seduta difficile per Telecom Italia (-0,95%) all'indomani della presentazione dei risultati preliminari 2009 e dopo lo slittamento dell'ok a bilancio e piano per gli effetti dell'indagine in corso sulla controllata Sparkle; in difficoltà anche Fastweb (-1,01%) che pure chiude ben lontano dai minimi. Nel comparto bancario, Banco Popolare guadagna il 2,86% dopo l'annuncio della cessione di Factorit e la definizione dei termini del prestito convertibile al 2014: Bpm +1,23%. Bene anche Unicredit (+1,48%), in netto rialzo Mediolanum (+3,61%), mentre Intesa Sanpaolo cede lo 0,19% in controtendenza. Sale Generali (+1,65%) che ieri ha comunicato i dati preliminari 2009 e ha raccolto giudizi positivi dagli analisti. Tra gli energetici, favoriti dal rialzo del prezzo del petrolio, corre Enel (+2,12%), grazie anche ai risultati di Endesa, bene Eni (+0,98%) e Saipem (+0,83%); Tenaris segna +1,26% dopo il tracollo di ieri. Invariata Fiat, con Pirelli che lascia sul terreno l'1,61%; Finmeccanica +2,1% e Ansaldo +1,65%. Seduta molto positiva per gli editoriali, con Mondadori +1,47%, Mediaset +1,65%, Rcs +5,24% e Gruppo Espresso +6,35%. Nel lusso, sale Bulgari (+1,52%). Fuori dal paniere principale, in luce Piaggio (+6,93%), che distribuirà quest'anno un dividendo superiore all'esercizio 2008; in difficoltà Saras (-6,39%) dopo i conti e l'annuncio che non ci sarà dividendo. Giù la A.S.Roma (-4,22%) dopo la sconfitta di ieri e l'eliminazione dall'Europa League.
Le Borse estere. Chiusura in forte rialzo per le borse europee, spinte dal dato sul Pil Usa. A Londra l'indice Ftse 100 chiude a +1,45%, il Cac 40 fa ancora meglio e sale dell'1,87% mentre il Dax avanza dell'1,2% .