Piazza Affari crolla con banche, Ftse Mib -3,96% ai livelli di 2 anni fa

Dopo il venerdì è anche lunedì nero per la Borsa di Milano, con il Ftse Mib in calo del 3,96% a 18.295 punti, mai così in basso in chiusura da luglio 2009, e l'All Share del 3,8% a 19.041 punti. Non si arresta la speculazione a piazza Affari, per nulla rincuorata dalla trasparenza imposta dalla Consob sulle vendite allo scoperto. Nel giorno della riunione dell'Eurogruppo, la crisi del debito continua a preoccupare mentre, di riflesso, scende anche Wall Street. Ribassi da record sul Ftse Mib, con l'indice arrivato a perdere fino al 4,9%: il paniere è tinto di rosso nel finale con la sola eccezione di Fonsai (che però solo nella scorsa settimana aveva perso poco meno del 30%). Scambi in crescita a 3,4 miliardi di controvalore. Maglia nera della seduta per Intesa Sanpaolo, che chiude in calo del 7,74% tra scambi doppi rispetto alla media giornaliera dell'ultimo mese; scambi da record anche per Unicredit che, dopo avere tentato il rimbalzo in mattinata, ha ripiegato scendendo a perdere oltre il 10% per poi chiudere a -6,33%. Pesanti tutte le banche, con Bpm -6,39%, Mps -4,48%, Mediobanca -4,28% e Banco Popolare -3,52%. Male anche il risparmio gestito (Azimut -7,42% e Mediolanum -6,28%), giù Generali (-4,82%) mentre tra gli assicurativi si registra il piccolo rimbalzo di Fonsai (+1,64%).Scendono gli industriali, con Fiat in calo del 5,38%, Fiat Industrial -1,62% e Pirelli -2,17%; pesante anche Telecom (-5,49%) mentre contiene le perdite Stm (-0,29%). Tra gli energetici Enel cede il 4,07%, Eni il 2,76% e Saipem il 2,24%. Cade Mediaset (-3,82%) nella prima seduta dopo la sentenza sul cosiddetto lodo Mondadori; lo stesso titolo del gruppo editoriale perde il 4,51% ma, nonostante la decisione dei giudici, va peggio a Cir (-7,21%) con Cofide -1,58%, Sogefi -1,60% e il gruppo Espresso -3,37%. Scivola anche Parmalat (-4,15%) su cui si sono spenti i riflettori dopo il successo dell'opa Lactalis chiusa venerdì. Sul listino completo da segnalare, in decisa controtendenza, il nuovo balzo di Seat pagine gialle (+6,63%) che ha annunciato il rinnovo di un accordo con Google.
Le Borse estere. Le Borse europee affondano: la maglia nera va a Lisbona che lascia sul terreno il 4,37%. Atene perde il 3,48% e Madrid il 2,57%. A Londra l'indice Ftse 100 cede l'1,01%. A Francoforte il Dax arretra del 2,3% e a Parigi il Cac 40 scende del 2,74%.