Piazza Affari migliore d'Europa grazie alle banche, Ftse Mib +1,83%

Chiusura in forte rialzo per piazza Affari, con l'indice Ftse Mib che guadagna sul finale l'1,83% a 22.349 punti e l'All Share +1,8% a 22.935 punti. Una seduta sempre positiva per Milano, la migliore in Europa grazie al recupero del comparto bancario e al balzo di Telecom Italia nel giorno della presentazione di conti e aggiornamento del piano. Prosegue invece in prudente rialzo Wall Street dopo i dati macro contrastanti arrivati in giornata. In calo gli scambi, scesi a 2,8 miliardi di controvalore. Balzo per Telecom, che guadagna il 5,16% e sale a 1,10 euro per azione, riportandosi sui livelli di inizio novembre. In evidenza anche Mediobanca (+3,79%) che oggi ha riunito il consiglio per l'approvazione della semestrale; tra le banche, brillanti anche Unicredit (+1,85%), Intesa Sanpaolo (+2,09%) e Mps (+2,5%). La maglia rosa sul paniere principale va a Buzzi (+5,27%) in un settore in forte rialzo, con Italcementi che, fuori dal Ftse Mib, stacca un +7,06% dopo la cessione di una parte delle attivitĂ  turche. Tra gli energetici, balzo di Saipem (+3,12%), bene Eni (+1,5%) ed Enel (+0,94%), in controtendenza Enel Green Power (-1,2%). Bene anche gli industriali: salgono Fiat (+1,27%) e Fiat Industrial (+1,63%), in rialzo anche Pirelli (+2,12%). Mediaset segna +2,63% e, nel lusso, balzi per Bulgari (+3,69%) e Luxottica (+3,14%).
Le Borse estere. Anche le altre Borse europee chiudono in deciso rialzo grazie al calo del prezzo del petrolio, seguito all'annuncio di un aumento della produzione da parte dell'Arabia Saudita, e ai bilanci record registrati da Volkswagen e Telefonica per l'anno fiscale 2010. Il Dax di Francoforte guadagna lo 0,77%, il Ftse100 di Londra cresce dell'1,27% e il Cac40 di Parigi segna +1,51%. In evidenza anche Madrid, con l'Ibex che sale dell'1,54% . (