Piazza Affari recupera nel finale, Ftse Mib -0,15%. Giù Telecom

Chiusura di seduta vicino alla parità per la Borsa valori, con gli indici che recuperano nel finale dai minimi toccati dopo la diffusione dei dati macro Usa. Il Ftse Mib registra un minimo calo del -0,15%, a 21.062 punti, mentre l'All Share cede lo 0,19%. Seduta a due facce per Piazza Affari, con una mattinata piatta e poco mossa in attesa delle novità dagli Usa nel pomeriggio. Il discorso del presidente della Fed, Ben Bernanke, che si è dichiarato pronto ad altre azioni per sostenere l'economia, ha suscitato una buona reazione, con l'indice pronto a salire di qualche linea (massimo rialzo del +0,5%). Bene anche il dato sulle vendite al dettaglio. Di lì a poco però il quadro è mutato, con la pubblicazione dell'indice di fiducia dei consumatori, in calo a sorpresa a ottobre; rapido dietrofront del listino, con minimo del -0,8%, poi recupero sulla parità in parallelo con Wall Street. Sul listino debole Telecom, che subisce prese di beneficio all'indomani dell'annuncio dell'accordo in Argentina, con un calo dell'1,68%. Sul titolo c'è un report di Citi che alza il target price ma mette in guardia sul calo dei ricavi in Italia atteso nel trimestre. Fiat chiude con un +1,11% senza risentire del dato negativo sulla contrazione delle immatricolazioni di auto in Europa, con la casa torinese che ha fatto peggio del mercato perdendo quote. Pirelli guadagna un +0,79% all'indomani della revisione al rialzo dei target. Nell'industria bene Ansaldo (+2,21%). Rialzi per Lottomatica (+2,94%) e L'Espresso (+3,63%) quest'ultima su voci di trattative per l'affitto delle proprie frequenze del digitale terrestre. Tra le banche Ubi sale dell'1,59%, Intesa +0,40%, Monte Paschi +0,68%. Nell'energia Eni a +0,31%, Enel -0,57% nel giorno in cui il gruppo ha fissato la forchetta di prezzo per il collocamento di Green Power. Saras cede il 2,92%. Ancora forte la Lazio (+7,69%), ma si muove anche la Roma (+3,24%).
Le Borse estere. Chiusura contrastata per le Borse europee. A Londra l'indice Ftse 100 scivola dello 0,42%, a Parigi invece il Cac 40 guadagna lo 0,21% così come chiude in positivo anche Francoforte dove il Dax 30 sale dello 0,57% .