Piazza Affari rimbalza grazie a Wall Street, bene Telecom e banche

Piazza Affari rimbalza di un punto percentuale grazie a Wall Street che partendo in rialzo ha permesso alla borsa milanese di cambiare direzione dopo una prima parte di seduta in discesa. Il Mibtel registra un progresso dello 0,93% e, coome accade spesso, sono le banche a segnare la direzione della seduta con Banco Popolare e Unicredit che sono salite rispettivamente dell'8,38% e del 6,28%. In crescita anche Ubi Banca (+3,19%) e Mediobanca (+1,41%) mentre non partecipa alla giornata di rialzi Intesa Sanpaolo (-0,97%). Bene anche Telecom Italia, che guadagna oltre cinque punti percentuali permettendo al titolo della società guidata da Franco Bernabè di tornare sopra l'importante soglia di un euro per azione. Seduta positiva anche per Italcementi e Finmeccanica che hanno chiuso le contrattazioni con un rialzo superiore al 4%. In ribasso invece Bulgari e Generali che hanno ceduto un punto percentuale. Il Midex oggi ha segnato una performance migliore rispetto agli altri indici anche grazie alle buone performance di Pirelli Re (+10,80%), Cattolica Assicurazioni (+6,62%) e alla buona giornata di Maire Tecnimont, Exor, Tod's ed Edison. Male Saras che ha perso il 3,35%. Nell'intero listino il titolo migliore è Arena (+18%), il peggiore Kerself (-7%).
Le Borse estere. Le principali Borse europee chiudono in rialzo grazie al buon andamento di Wall Street, influenzata dai dati sulle vendite di case in corso e dall'Ism manifatturiero, andati meglio del previsto. Gli investitori sono in attesa di segnali dal vertice del G20 di Londra. L'indice Ftse100 di Londra avanza dello 0,75%, il Cac40 di Parigi sale dell'1,15% e il Dax di Francoforte guadagna l'1,13%.