Piazza Affari si trasforma nel paradiso dei golosi

Giorgio Scaglia

Il bengodi, una festa del palato, una riscoperta culturale di sapori rari, un trionfo dell’arte del gusto. Questo, soprattutto, è «Golosaria», che va di scena domani e lunedì a Palazzo Mezzanotte, in piazza degli Affari. Organizzato da Papillon, sotto la guida di Paolo Massobrio e Marco Gatti, inizierà al mattino con la Colazione delle mille e una notte, in omaggio ai saperi della grande pasticceria di Milano, secondo un progetto di valorizzazione della Camera di Commercio che, tra l’altro, porterà fra gli stand il latte appena munto in una stalla della provincia di Milano. Insomma, una sorpresa, che culminerà con l'omaggio al Panettone Milano, per il quale Papillon e il Comune stanno lavorando con l'obiettivo di arrivare al riconoscimento della Denominazione Comunale. Intanto Palazzo Mezzanotte vedrà al lavoro su tre piani i migliori artigiani del gusto. Alcune prelibatezze: il panettone alla manna prodotto in Sicilia, i tartufi di Alba, il culatello prodotto con l'antica razza di mora romagnola dai fratelli Spigaroli, il cioccolato di Modica, il mitico formaggio dell'alpeggio del Bettelmatt, accanto al provolone vernengo del Lazio. Ma che dire della prosciutta castelnovese, dei salumi tradizionali altoatesini del grande Karl Bernardi di Brunico, che arriverà con l'autentico speck e lo stinco di maiale salmistrato. Dall'Abruzzo ecco la ventricina di Guilmi e l'olio extravergine d'oliva di Oleum, mentre dalla Sardegna saranno presenti i salumi di pecora della Genuina, che ha vinto quest'anno il premio Ok Italia, il miele del Parco Naturale del Monte Arci e l'olio extravergine di oliva dei fratelli Pinna. Le Marche svetteranno con il ciauscolo del salumificio Ciriaci, i pecorini della Fattoria della Ripa e il goloso cioccolato artigianale di Bru.Co., mentre la Valle d'Aosta col lardo d'Arnad, la fontina Dop valdostana e i deliziosi succhi di mela di Cofruits. Una sarabanda di sapori e profumi che riportano a tradizioni consolidate, a quella cultura contadina che è sempre più difficile da trovare e che qui viene difesa con unghie e denti. Fra paste ed olii, grande attrazione desterà l'enoteca di Fabio Scarpitti che servirà alla mescita i 100 migliori vini d'Italia selezionati da Paolo Massobrio e da Marco Gatti, autori de L'Ascolto del Vino. Nel pomeriggio sarà anche la volta dei premi del Golosario ai migliori esercizi delle varie categorie e alla ristorazione. Ingresso gratuito scaricando l’invito dal sito www.clubpapillon.it