«In piazza con Bossi per difendere Milano»

In piazza con la Lega per difendere Milano. Il sindaco Letizia Moratti rompe il silenzio e difende la sua decisione di sfilare domenica in corteo a fianco di Umberto Bossi. Una decisione che ha già provocato molte polemiche, anche all’interno del centrodestra con Fi che boccia l’iniziativa. Ma al suo interno si agita la fronda di chi ha deciso di disobbedire e scenderà in piazza. Più decise An e Udc, presenti rispettivamente con il presidente dei deputati Ignazio La Russa e il segretario cittadino Luca Ruffino. Ma ieri l’attacco più duro al sindaco è arrivato dai banchi dell’opposizione a Palazzo Marino durante il consiglio. «Ma si rende conto - le aspre parole del capogruppo del Pd, Marilena Adamo - di essere entrata in una spirale del più a destra, sempre più a destra?». Preambolo alla richiesta di non partecipare alla manifestazione che si concluderà in piazza Duomo con i comizi e l’intervento di Bossi. «Devo difendere la mia città», replica la Moratti.