In piazza per dire che anche per l’alluvione solo il governo era presente con i fatti

Far conoscere il lavoro del governo Berlusconi per la Liguria. A partire magari dall’ultimo, decisivo intervento per l’emergenza alluvione con Guido Bertolaso che, dopo il sopralluogo nelle zone del disastro, ha già ottenuto la dichiarazione di emergenza e ha convocato per lunedì a Roma, presso la sede del Dipartimento della Protezione Civile, una riunione con i rappresentanti della Regione Liguria e degli enti locali. È l’obiettivo che si pongono gli esponenti del Popolo della Libertà che oggi allestiranno in tutta la regione i gazebo.
Il Coordinamento metropolitano supporta l'iniziativa del movimento giovanile del partito che ha organizzato un gazebo che si troverà dalle 10.30 alle ore 17 in via XX Settembre (altezza libreria Mondadori). Insieme al coordinatore vicario, Roberto Cassinelli, e al coordinatore della «Giovane Italia», Enrico Bocca, sarà presente il coordinatore regionale Michele Scandroglio. «Il nostro presidio - affermano Cassinelli e Scandroglio - sarà l'occasione per ricordare alla gente il lavoro del Governo Berlusconi e per raccogliere le loro istanze alle quali, come sempre, cercheremo di rispondere concretamente». «Noi giovani del Popolo della Libertà abbiamo accolto con entusiasmo l’invito di Silvio Berlusconi - aggiunge Alessandro Gianmoena, coordinatore regionale di Giovane Italia - e ci mobiliteremo sul territorio ligure per comunicare ai cittadini ciò che il Governo ha saputo realizzare in questi due anni»
Altri gazebo saranno allestiti a Sestri Levante, via XXV aprile; Imperia, piazza San Giovanni; Diano Marina, via Genala; San Remo, piazza Colombo; Vallecrosia, via col. Aprosio; Savona, piazza Sisto IV; Albenga, piazza del Popolo; Finale Ligure, Via Pertica; Loano, piazza Rocca; Alassio, piazza Matteotti; La Spezia, piazza Beverini