«Le piazze più belle del centro storico finalmente restituite ai cittadini»

«Finalmente arrivano le regole per il centro storico più bello del mondo. Le piazze tornano ai cittadini e alla cultura grazie alla proposta di delibera preparata impeccabilmente dal consigliere Gasperini e condivisa da tutto il consiglio comunale». È quanto ha spiegato il deputato e coordinatore romano del Pdl, Gianni Sammarco commentando il via libera al provvedimento. La delibera di iniziativa consigliare proposta dal delegato del sindaco al Centro storico, Dino Gasperini, è stata approvata dall’aula Giulio Cesare con 30 voti favorevoli, 1 contrario e 4 astenuti. Con il provvedimento si autorizza l’uso di una trentina di piazze del primo municipio solo per eventi culturali da organizzarsi per non più di una volta al mese e per non oltre 3 giorni consecutivi compreso allestimento e disinstallazione. «Per la prima volta - ha detto Gasperini - Roma si dota di un regolamento per l’uso funzionale delle piazze storiche della capitale». Nelle circa trenta piazze storiche capitoline, da piazza di Spagna a piazza Navona, fino a Campo de’ fiori e piazza Trilussa, «scompaiono i mercatini di ogni genere e si autorizzano solo eventi culturali e l’allestimento di gazebo e palchi di livello architettonico». La delibera, infatti, prevede che nelle piazze storiche capitoline siano proibite le manifestazioni di carattere commerciale con la sola esclusione della festa dell’Epifania di piazza Navona. Gli eventi autorizzati saranno selezionati secondo il loro livello di interesse dal punto di vista culturale.