Picchia la consorte in strada e la manda in ospedale Operaio finisce in manette

Botte in strada alla moglie e minacce ai figli; subito dopo arrivano i carabinieri e finisce in carcere con l’accusa di maltrattamenti in famiglia. L’altro pomeriggio a Rho, un uomo di 45 anni ha aggredito per l’ennesima volta la consorte dalla quale si stava separando. Da anni infatti sfogava la sua aggressività picchiando la moglie, più volte finita in ospedale. Una situazione familiare difficile che si era concretizzata con diverse denunce e da ultimo, con la decisione della vittima di separarsi. L’operaio di recente era stato obbligato ad abbandonare il tetto coniugale, ma di separarsi proprio non ne voleva sapere. Ogni volta infatti che incrociava la donna erano insulti e minacce, nonostante le diffide ricevute dai carabinieri. L’altro pomeriggio ha sorpreso la donna, accompagnata dai due figli, in piazza e l’ha aggredita a schiaffi, pugni e calci, fino a quando sono intervenuti alcuni passanti a bloccarlo. La poveretta è stata portata in ospedale, dove sono arrivati anche i carabinieri che hanno raccolto l’ennesima denuncia. Qualche ora dopo il marito manesco è stato rintracciato, e finalmente arrestato.