Picchia e rapina la sua ex, arrestato

Accecato dalla gelosia, si è fatto aprire dalla donna e l’ha aggredita cercando di prenderle alcuni vestiti

La ragazza l’aveva piantato in asso e per il suo personale modo di vedere bastava per molestarla e picchiarla. La vicenda andava avanti da qualche mese.
L’altro giorno il giovanotto, 35 anni, residente a Desio, si è presentato alla porta della sua ex e, con una scusa, è riuscito a farsi aprire. Una volta in casa, il prepotente ha cercato di rubare alcuni abiti della ragazza, 23 anni, che abita con il nuovo amore della sua vita in una modesta palazzina, al quartiere Mulinello di Cesano Maderno.
Quando la giovane si è resa conto delle intenzioni del desiano, si è fatta avanti e, per tutta risposta, l’uomo, probabilmente ancora accecato dalla gelosia, ha iniziato a picchiarla con grande violenza. La vittima, trasportata al pronto soccorso dell’ospedale di Giussano, è stata medicata.
I dottori le hanno certificato una prognosi di quindici giorni, per contusioni al braccio e varie ferite alle mani. Intanto il compagno della ragazza, vista la situazione, ha avvertito i carabinieri della locale stazione. Giunti sul posto i militari dell’Arma hanno trovato «il picchiatore» mentre cercava di guadagnare la fuga. Sono riusciti a bloccarlo e a infilarlo nella gazzella che è partita verso la caserma.
L’uomo, con qualche precedente penale alle spalle, di fronte agli uomini in divisa, ha immediatamente smarrito tutta la sua arroganza, tanto che di fronte alle domande del maresciallo, invece di rispondere, ha preferito fare la parte del tenerone. «Voglio la mamma» ha chiesto ai carabinieri, i quali, invece di accontentarlo, hanno stilato il verbale di rito e lo hanno arrestato con l’accusa di rapina impropria.
Oggi sarà processato con rito direttissimo in Tribunale a Monza.