Picchiata al G8: lo Stato risarcisce

Un’altra vittima delle violenze avvenute durante il G8 di Genova sarà risarcita. Rita Sieni, 44 anni, torinese, venne gravemente ferita dalla polizia riportando la frattura di una mandibola, trauma cranico e lesioni varie in tutto il corpo. Lo ha deciso il giudice civile Angela Latella. A farsi carico del risarcimento (24mila e trecento euro), sarà il ministero dell’Interno. L’episodio in cui la donna subì la violenza dei poliziotti si verificò il 21 luglio del 2001 davanti a Punta Vagno, in corso Italia, quando alcuni agenti si misero all’inseguimento di un gruppo pacifico il «Coordinamento pinerolese contro il G8», di cui anche lei faceva parte, colpendo diversi manifestanti a manganellate.