Piccola guida per visitare musei e gallerie

Per Natale e Capodanno all’insegna dell’arte, ricco appare il calendario di aperture straordinarie di mostre e luoghi storici di Roma. I musei, comunali e statali rimarranno chiusi il 25 dicembre e il primo gennaio. In compenso aprono le porte per la Vigilia e San Silvestro, dalle 9 alle 14 e per Santo Stefano, tutto il giorno. E quest’anno la scelta è quanto mai vasta, con la new entry nella rete dei musei civici del Museo Barracco, del Museo Bilotti all’Aranciera di Villa Borghese e del Villino Nobile di Villa Torlonia. Anche le mostre offrono a cittadini e turisti un’ampia scelta. Le Scuderie del Quirinale, con la loro rassegna sulla «Cina. Nascita di un impero» che propone oltre trecento preziosi reperti archeologici mai presentati prima in Italia, arrivati da quattordici musei cinesi, tra cui la serie di centocinquanta statue di soldati dai mausolei inviolati degli imperatori dell’antica dinastia degli Han Occidentali, aprono al pubblico 24 e 31 dicembre dalle 10 alle 15, 25 e 1 gennaio dalle 16 alle 20, 26 dicembre dalle 10 alle 20.
Al Chiostro del Bramante, dove sfila l’inedito Andy Warhol in versione religiosa, un ritratto insolito del papà della Pop Art americana, porte aperte per tutte le giornate festive, il 24 e il 31 dicembre, dalle 10 alle 18, il 25 dicembre dalle 15 alle 21.30, 26 dicembre e 1 gennaio dalle 10 alle 21.30.
Aperture straordinarie anche per Palazzo Ruspoli, con l’esposizione dedicata a «Paul Klee» e ai capolavori dell’artista svizzero della collezione personale di Heinz Berggruen, che accoglie il pubblico il 24 e il 31 dalle 10 alle 14, il 25 e il primo gennaio dalle 15 alle 19.30 mentre per Santo Stefano rimane aperto dalle 10 alle 19.30.
Le mostre alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna, la retrospettiva sull’architetto viennese «Adolf Loos» e quella dedicata al collega italiano «Enrico Del Debbio», sono visitabili il 24, il 26 e il 31 dicembre tutto il giorno, mentre chiudono il 25 e il primo gennaio, come anche l’antologica dedicata dal MAXXI a Massimiliano Fuksas.
Lo show dell’Iliade allestito al Colosseo, dal Giudizio di Paride alla caduta di Troia raccontati attraverso pregevoli reperti archeologici può essere ammirato il 24, 26 e 31 dicembre tutto il giorno, mentre chiude per Natale e primo dell’anno. Stessa cosa per la grande rassegna sulla «Roma sotterranea» alle Olearie Papali. Orario prolungato per la monografia dedicata a «Matisse e Bonnard» dal Vittoriano, visitabile il 24 e il 31 dicembre dalle 9.30 alle 15, il 25 dicembre e il primo gennaio dalle 15 alle 20.30, il 26 dicembre dalle 9.30 alle 19.30. Aperture no-stop al Museo del Corso per la retrospettiva dedicata al famoso vedutista Giovanni Battista Piranesi per 24 e 31 dicembre, dalle 10 alle 15, per 26 dicembre dalle 10 alle 20, mentre rimane chiuso il 25 dicembre e il primo gennaio. I divi in bianco e nero di Sandro Becchetti in mostra a Cinecittà Due Arte Contemporanea, si possono ammirare il 24 e il 31 dicembre dalle 10 alle 18.30.
A Palazzo Braschi, per la «Porpora Romana» ovvero la ritrattistica cardinalizia a Roma, i portoni rimangono aperti il 24 e il 31 dicembre dalle 9 alle 14. Al MACRO al Mattatoio, apertura per la Vigilia e San Silvestro, dalle 9 alle 14, e per Santo Stefano, tutto il giorno (con chiusura per 25 dicembre e 1 gennaio) per il ciclo della Cattedrale di Piero Pizzi Cannella, per «Oliviero Rainaldi» a Palazzo Venezia. Apertura speciale anche all'Auditorium Parco della Musica per «Enrico Prampolini», e «Risonanze # 1. Castellani/Ughi» visitabili dal 24 dicembre all’8 gennaio dalle 11 alle 21, il primo gennaio dalle 13 alle 21.