Piccolo Eliseo Attilio Bolzoni dà voce alla mafia

In scena al Piccolo Eliseo «Parole d’onore» di Attilio Bolzoni con Marco Gambino e Patrizia Bollini il 3 e 4 novembre. (ore 20.45). «Parole d’Onore» è la piece teatrale tratta dal libro omonimo di Bolzoni (Rizzoli), vincitore quest’anno del premio «È Giornalismo». Lo spettacolo, presentato in agosto al «Fringe Festival di Edimburgo», è stato in cartellone al Jermyn Theatre di Londra dal 7 settembre al 3 ottobre. È la rappresentazione, senza retorica e senza compromissioni culturali o ideologiche, di un «altro» mondo: quello della Cosa Nostra siciliana: un’esplorazione nelle terre di mafia. Dove si ascoltano voci che salgono minacciose, dove si sente il respiro di quegli uomini che hanno terrorizzato per decenni la Sicilia e anche l’Italia. Un mondo avvolto nella paranoia, nella violenza, in un delirio di onnipotenza che ha spinto i mafiosi a scatenare una vera e propria guerra contro lo Stato. «Parole d’onore» è un catalogo dei loro «discorsi» e dei loro «ragionamenti». È la loro «parlata» che non è solo un linguaggio e non è solo un codice: è esercizio permanente di potere. Protagonisti sono soltanto loro. I mafiosi. Si svelano per la prima volta per ciò che sono. Senza pudore. Ne emerge la loro spietatezza, la loro moralità e quella che loro chiamano «la dignitudine». A metà fra il viaggio nella Sicilia più tribale e fra i misteri più indicibili. Così, senza mediazioni, si racconta la vicenda siciliana meno onorevole.