Il «Piccolo» spegne 59 candeline

Cinquantanove candeline sulla torta del «Piccolo» di Milano per festeggiare il compleanno dello storico teatro fondato il 14 maggio 1947. Insieme all’Associazione amici del Piccolo Teatro, lo stabile milanese, conosciuto in tutto il mondo, si prepara così alle celebrazioni che lo porteranno ufficialmente nel sessantesimo anno di attività. Grandi festeggiamenti, insomma, per un ente che tra i suoi più illustri collaboratori annovera il grande e indimenticabile Giorgio Strehler e, dopo di lui, l’altrettanto prestigioso nome di Paolo Grassi.
E proprio a lui è dedicato l’incontro di apertura che si terrà oggi pomeriggio alle 17,30 nella sede del Teatro Grassi, per ricordare e rendere omaggio a un direttore artistico che, tra il 1968 e il 1972, inaugurò una serie di eccellenti e fortunate stagioni del «Piccolo» entrate nella storia del teatro italiano.
Erano gli anni dei giovani registi Klaus Gruber, Patrice Chèreau, Marco Bellocchio che dal cinema arrivava alla sua prima esperienza teatrale con «Timone d’Atene» di Shakespeare. E poi Gianfranco De Bosio che in quel periodo realizzò i suoi memorabili e indimenticati spettacoli ruzantiani. A raccontare e ricordare quelle eccezionali esperienze ci saranno i protagonisti di allora: Piero Bassetti, Marco Bellocchio, Gianfranco De Bosio, Sergio Escobar, Emilio Pozzi, Andrè Ruth Shammah, Salvatore Veca.
E accanto a loro c’è anche Francesca Grassi che, per l’occasione, presenterà ufficialmente la neonata Fondazione «Paolo Grassi La Voce della Cultura».