Piedi sul sedile del treno, sette mesi in cella

Un gesto di maleducazione finito... in cella. Un uomo era stato infatti arrestato per avere malmenato un controllore delle Fs sul treno Torino - Livorno, nei pressi della stazione di Genova Nervi, perché gli era stato chiesto di togliere i piedi dal sedile. Il Tribunale di Genova ha condannato Carmine Urciuolo, 37 anni, originario di Torre del Greco e residente a Genova Sampierdarena a sette mesi di carcere. L’uomo era stato individuato dagli investigatori della squadra di polizia giudiziaria della Polfer genovese. A ridosso dei fatti nei suoi confronti era stato emesso un ordine di custodia cautelare dal giudice delle indagini preliminari Vincenzo Papillo, su richiesta del sostituto procuratore Biagio Mazzeo. L’accusa nei suoi confronti era resistenza, lesioni e interruzione di pubblico servizio. Secondo la ricostruzione fatta dai testimoni, il controllore, dopo aver intimato al passeggero di togliere i piedi dal sedile, gli aveva chiesto di mostrargli un documento e il biglietto. Al suo rifiuto, il ferroviere era uscito dallo scompartimento dicendo che sarebbe andato a chiamare la Polfer. A quel punto il passeggero lo aveva raggiunto alle spalle e colpito a pugni sulla testa.
Qualcuno però era riuscito a fare delle foto con il telefonino e l’aggressore era stato individuato dall’ispettore Stelvio Bagnasco. Il controllore ferito venne poi portato al pronto soccorso all’ospedale Galliera. Arrestato, gli furono concessi gli arresti domiciliari; evase a settembre ma fu subito ripreso e tornò in carcere.