Pier Renato: se vinco, tutto in beneficenza

Pier Renato Esposito, l’anestesista dell’ospedale di San Felice a Cancello (Caserta) che vive a Minturno (Latina), qualora vincesse la sesta edizione del Grande Fratello, destinerà l’intero ricavato - un milione di euro - in beneficenza, e in particolare al potenziamento di un reparto di Oncologia pediatrica di una struttura pubblica italiana, da individuare. È la sua volontà confidata ai genitori, Lucia e Vincenzo, e all’amico, Elio Russo, un funzionario delle Poste di Napoli, che ha reso noto il desiderio di Esposito, che lo aveva anche autorizzato a divulgarlo prima di entrare nella casa del Grande Fratello la sera del 26 gennaio scorso. Esposito, che lavora nel reparto di anestesia e rianimazione dell’ospedale casertano, e la sua famiglia - spiega Russo - sono persone molto riservate. Hanno però voluto esplicitare il desiderio del medico per sottolineare che la partecipazione all’edizione 2006 del Grande Fratello nasce dalla «volontà di fare un'esperienza personale diversa» ma che «non è assolutamente legata a motivi di lucro».