Pietra di sole

salice di cristallo, pioppo d’acqua,
alto zampillo che s’inarca al vento,
albero ben piantato ma danzante,
l’incedere di un fiume che si curva,
avanza, retrocede, gira intorno
e arriva sempre
incedere tranquillo
di stella o primavera senza fretta,

acqua che con le palpebre serrate
tutta la notte emana profezie,
unanime presenza in mareggiata,
onda su onda ricoprendo tutto,
verde sovranità senza tramonto
come il baluginio delle ali
quando si aprono proprio in mezzo al cielo
\