Di Pietro: fatti apposta i miei litigi con l’italiano

Ha il sapore di una confessione a cuore aperto quella fatta dall’ex pm Antonio Di Pietro in un’intervista concessa a Klaus Davi che cura la rubrica «Klauscondicio» su Youtube. L’ex pm Di Pietro corregge a metà i propri errori di sintassi e spiega che, insomma, i suoi capitomboli linguistici a volte sono reali, ma altre volte sono fatti apposta. In sostanza fa finta di litigare con la sua lingua madre. Sarà vero? Legittimo il dubbio. Forse non peregrino credere che sia una delle frecce all’arco dell’ex magistrato per attirare attenzione. Come le sue presunte liaison con due belle del piccolo schermo, Pamela Prati ed Ela Weber. Anche qui piovono le smentite di Tonino, ma stavolta con rammarico: «Solo gossip, è tutto inventato. Magari fosse vero...». Poi aggiunge: «Non tornerei alla magistratura, non vorrei fare nemmeno il politico, non è detto che tra qualche anno non possa lasciare». E qui dov’è l’errore?