Di Pietro: «Sto con Veltroni, no ai ricatti»

«Sì a Veltroni. Noi piccoli partiti dobbiamo smetterla coi ricatti». Antonio Di Pietro, ministro delle Infrastrutture e leader dell’Italia dei Valori, condanna la moltiplicazione delle forze politiche. «Bisogna ridurle - sostiene -. Walter e Berlusconi sono in grado di fare strike: controllano da soli il 70 per cento dei voti. Con la sinistra radicale al governo non si può fare nulla, neppure la barba perché la schiuma danneggia l’ozono. Prodi ha le carte per governare ma non i numeri. Ogni giorno deve contare per sapere chi è con lui».