"Da Di Pietro una vera opa sulla coalizione"

Da Capezzone a Bondi, il centrodestra critica duramente il congresso dell'Italia dei valori

Roma - Al termine del congresso, gli unici soddisfatti dell’Idv sono gli alleati del Pd. Per il resto, critiche piovono da Pdl, Udc e persino Rifondazione, contraria alla «svolta moderata» di Di Pietro. Se il portavoce pdl Daniele Capezzone parla di «opa di Di Pietro sul centrosinistra», il ministro Sandro Bondi avvisa l’Udc: «Ormai Pd e Idv sono un unico soggetto, l’Udc rifletta se allearsi con loro».

E la riflessione del leader centrista Pier Ferdinando Casini giunge immediata: «La demagogia dei dipietristi è un ostacolo, una zavorra per un’alternativa seria a Berlusconi». Non è piaciuto, all’Udc, quello che il senatore ex An Maurizio Gasparri definisce «l’appiattimento del Pd sulla linea di Di Pietro e Genchi». È il capogruppo alla Camera Fabrizio Cicchitto a trarre le conseguenze: «L’abbraccio tra Bersani e Di Pietro ha azzerato tutti i progressi fatti dai democratici».