Pil 2008 giù dello 0,9% E' il peggiore dal 1993 Governo: preoccupati

<p>
Il 2008 chiude con un calo del pil dello 0,9%. Dato peggiore delle aspettative: il governo stimava un calo dello 0,6%. <strong><a href="/a.pic1?ID=328500">Le misure del governo</a></strong>: accordo da 8 miliardi sugli ammortizzatori sociali. <strong><a href="/a.pic1?ID=328489">Crolla il settore auto</a></strong>
</p>

Milano - Secondo i dati diffusi oggi dall'Istat, il 2008 chiude con un calo del pil dello 0,9%. Lo stesso calo registrato 15 anni fa, nel 1993. Un dato peggiore delle aspettative: i tecnici di via XX Settembre stimavano, infatti, un calo dello 0,6%. L’effetto di trascinamento per il 2009 è dell’1,8%: se non ci fossero variazioni nella crescita per tutto l’anno, i 12 mesi chiuderebbero con -1,8%. L’ultimo trimestre 2008 ha chiuso con un calo del Pil del 2,6% rispetto al 2007 e dell’1,8% rispetto al trimestre precedente. Si tratta dei cali maggiori dal 1980.

Giù industria e servizi Il pil italiano si è attestato in valore assoluto nel 2008 a 1.272.852 milioni, in calo rispetto a 1.284.861 milioni del 2007. Il calo registrato nel 2008 è stato determinato da un calo del valore aggiunto sia dell’industria, sia dei servizi. In aumento solo il valore aggiunto dell’agricoltura. Lo comunica l’Istat che però non fornisce ancora il dato sui diversi settori perchè quelle odierne sono stime preliminari.

Fmi: "L'economia reale deve essere ancora attaccata" Gli effetti della crisi sull’economia reale "per lo più devono ancora arrivare". Il direttore generale dell’Fmi, Dominique Strauss-Kahn, ha fatto sapere che "il 2009 sarà certamente un anno piuttosto cattivo per la crescita, e non solo per le economie avanzate, ma anche per quelle emergenti". Il direttore generale del Fondo monetario internazione esorta inoltre i paesi sviluppati a mettere in opera i piani di rilancio che hanno annunciato. Poi mette in guardia rispetto al rischio protezionismo: "Il protezionismo - ha detto - può rientrare dalla porta posteriore, in particolare nel settore bancario". Strauss-Kahn è scettico rispetto al fatto che il protezionismo possa tornare a manifestarsi, per esempio, attraverso l’imposizione di tasse doganali elevate sui prodotti importati. Ma nel settore finanziario "quando i governi forniscono risorse finanziarie o ricapitalizzano delle banche, potrebbero aggiungere una clausola dicendo che questo denaro deve restare in casa" o potrebbero essere introdotti dei vincoli affinchè "queste somme siano utilizzate per acquistare prodotti nazionali. Questo genere di protezionismo - avverte il numero uno dell’Fmi - potrebbe ripresentarsi".