Pila, in scena i funamboli del downhill

Manca una manciata di giorni all’appuntamento clou della stagione di mtb, specialità downhill: sabato e domenica prossimi, 20 e 21 agosto, infatti, Pila sarà il palcoscenico delle gare di Coppa del mondo. Una due giorni intensissima con spettacoli mozzafiato grazie alla bravura tecnica e spettacolare dei funamboli di dh. Spettacoli che gli spettatori potranno godersi appieno nella ormai celebre conca aostana di Pila sede, tra l’altro, di piste permanenti.
Conto alla rovescia avviato, dunque, e grandi novità dal percorso. Corrado Herin, ex campione e tecnico della nazionale, sta «ritoccando» il tracciato, ultimi dettagli per il maquillage completo, mentre Mauro Grange, presidente del comitato organizzatore, valuta ogni piccolo particolare sotto la lente di ingrandimento.
Già alle spalle una gara di campionato regionale, Herin sta apportando, come detto, gli ultimi ritocchi. Così, vicino alla stazione a monte della seggiovia Chamolè, il percorso non si tufferà immediatamente ma la lambirà scorrendole a fianco su un terreno roccioso. Inoltre, una variante è stata apportata nella parte centrale del tracciato, con una pendenza da brivido per la gioia di chi assiste, e nel finale ci sarà un nuovo salto artificiale dopo le curve paraboliche. Spettacolo, dunque. In gara la promessa azzurra, Alan Beggin, contro il funambolo inglese Steve Peat, Minnaar e Rennie. Tra le donne, favorite le francesi Jonnier e Chausson incalzate dalla britannica Moseley, mentrre le speranze italiane sono affidate alla Thaler.
Prove venerdì e sabato, gara domenica: semifinali dalle 10 alle 12, finali dalle 14 alle 16.