La pilota Cerruti «Siamo distratte ma più rispettose»

Michela Cerruti, 27 anni, guida auto da corsa da 4-5 anni. Pilota ufficiale del team Bmw è stata la prima donna a vincere il campionato italiano Gt. Figlia d'arte (il papà era pilota negli anni '70) affronta curve in pista a 300 chilometri all'ora ma nel frattempo macina sulle strade dai 30 ai 35mila chilometri all'anno.
Da donna a donna: qual è il consiglio per le automobiliste?
«Noi donne siamo un po' distratte. Me compresa... Siamo prese da tante cose, magari stiamo pensando a qualcos'altro, oppure semplicemente ci distraiamo guardando una vetrina»
E ci scappa la manovra azzardata...
«Però siamo più rispettose delle regole. Davanti al rosso, oppure alle strisce siamo più pignole e quindi attente degli uomini che spesso vivono l'auto come il prolungamento del loro orgoglio. Certo, abbiamo il vizio del tacchetto...».
Non li indossa?
«Quando esco con i tacchi mi porto dietro le ballerine per guidare, perché quando si incastra sul tappetino è davvero pericoloso».
Quando ha scoperto la sua passione
«Subito, a 18 anni, avevo appena preso la patente. Guidavo la Panda che c'era in casa, poi ho comprato la mia prima auto, l'Alfa 147. Mio padre mi ha mandato a fare un corso di guida sicura appena si è accorto che spingevo un po' sull'acceleratore».
Prossimi appuntamenti?
«Silverstone il 25 maggio e a Monza, Auto GP, il 1 giugno».