PINACOTECA AMBROSIANA

La Pinacoteca Ambrosiana possiede oltre 2000 pezzi fra dipinti, sculture e arredi, oreficerie, oggetti di arti applicate e più di 22.000 disegni. La raccolta nasce dalla visione illuminata del Cardinal Federico Borromeo, il grande arcivescovo umanista che donò all'Ambrosiana, nel 1618, la sua collezione personale di disegni e dipinti. Ad essa si aggiunsero, tra il 1625 e il 1637, il cartone de «La scuola di Atene» di Raffaello e i dodici manoscritti di Leonardo tra cui il famoso «Codice Atlantico», ottenuti dal Marchese Galeazzo Arconati. I disegni arrivarono all'Ambrosiana dalle collezioni di artisti, ricchi mecenati, mercanti, storici dell'arte e architetti. Il più ricco lascito personale è quello di Federico Fagnani, con 23.000 tra libri e manoscritti, 16.000 stampe e 4.320 disegni.
Annunci
Altri articoli