Pininfarina, tradizione e coraggio premiati

da Barcellona

Pirelli Tyre dispone di tecnici che sanno trarre il massimo grazie a un mix di competenza di base, esperienza sul campo e tecnologia avanzata. Ciò è tanto più vero per gli uomini di Pirelli Moto che possono attingere a fornitori unici del mondiale Superbike, la formula che meglio realizza la sintesi tra moto di serie e prestazioni estreme. Da tale esperienza era nato Pirelli Diablo, lo «stradale» che ha rivoluzionato il gusto derivato dalle prestazioni di una moto, in piena sicurezza. Ma per Diablo è venuto il momento di cedere il testimone a un nuovo radiale che capitalizza ulteriormente sulla messe di dati raccolti in questi quattro anni di attività sportiva, di ricerca e sperimentazione, di simulazioni al computer con modelli matematici. Ecco, allora, Diablo Rosso che fa compiere al radiale motociclistico «stradale» un balzo epocale a tutto lo spettro delle prestazioni e alla sicurezza. Alla base di un tale risultato ci sono tre fattori. Il primo riguarda lo sviluppo di una tecnologia, esclusiva Pirelli, di realizzazione di cinture a zero gradi in uno speciale trefolo di acciaio, sottilissimo e con caratteristiche meccaniche che risultano superiori a quelle ottenibili anche con fibre sintetiche dell’ultima generazione. Il secondo fattore è costituito dalle nuove mescole, in cui è stata ottimizzata la calibratura dei vari additivi, in particolare silice e nerofumo, al fine di ottenere una rapida entrata al regime termico ideale, anche in presenza di basse temperature, e senza il rischio di «cuocere» il battistrada in caso di temperature elevate.
Il terzo fattore è costituito dallo sviluppo di un profilo e da un disegno di battistrada che ha consentito di ottimizzare l’impronta di contatto dello pneumatico sull’asfalto per ottenere doti superiori di stabilità, ma soprattutto di aderenza in frenata e in piega. Diablo Rosso è risultato superiore al già eccellente Diablo.