Pino Daniele, napoletano innamorato dell’Africa

Pino Daniele torna ad esibirsi dal vivo. Il più «nero» dei cantautori italiani, con il suo inimitabile sound prevalentemente blues con accenni al rock mediterraneo che da sempre caratterizza la sua musica, riproporrà la storia della sua straordinaria carriera con i suoi celebri successi del passato insieme a quelli più recenti al Teatro Carlo Felice domani alle 21.
La pubblicazione del nuovo disco di inediti «La Grande Madre» segna il ritorno in concerto del cantautore partenopeo.
Con il nuovo album anche Pino Daniele entra nel novero degli artisti che hanno detto addio alle major discografiche, infatti «La Grande Madre» è il suo primo disco autoprodotto. Ad affiancare Pino Daniele e la sua etichetta Blue Drag in questa nuova avventura ci sarà Indipendente/Mente per la distribuzione. Riguardo alla raggiunta indipendenza musicale, Pino Daniele si è detto molto felice e soddisfatto.
L'album, composto da 11 brani, contiene anche una cover di Eric Clapton, Wonderful tonight e un brano dedicato all'associazione internazionale «Save The Children», Searching for the water of life, a supporto della campagna Every One per dire basta alla mortalità infantile.
Inoltre questo nuovo disco è stato realizzato con la collaborazione di musicisti di gran valore come Omar Hakim alla batteria, Chris Stainton al piano e hammond, Gianluca Podio alle tastiere e agli archi, Steve Gadd alla batteria, Mel Collins al saxofono, Rachel Z al piano, Willie Weeks al basso, Solomon Dorsey al basso e Mino Cinelu alle percussioni.
«La Grande Madre» è un album di qualità che mescola canzoni più tradizionali in italiano come Melodramma (che è anche stato il primo singolo di lancio del nuovo album) o Due Scarpe a brani più originali come la canzone La Grande Madre (dove si sente l'influenza delle sonorità africane) oppure la canzone Coffee Time in stile jazzy.