Pinocchio inaugura le notti di Castelfranco e Apricale

Barbara Catellani

Pinocchio cammina cammina e dalla chiesa di S. Agostino parte alla volta di Finale per sgranchire le sue anchilosate gambe di legno sulle alte torri della fortezza di Castelfranco (23/30 luglio), e perdersi poi negli angusti vicoli della splendida Apricale (5/16 agosto). Eh, sì, sarà proprio lui, il burattino più amato da mamme e bambini ad inaugurare la stagione estiva del Teatro della Tosse - che prosegue poi con «La Notte delle Favole» dal 6 agosto a Finale - presente ormai da diversi anni in due fra i borghi più affascinanti d'Italia, con spettacoli che assumono ogni volta una fisionomia nuova ed originale. «Abbiamo già portato la nostra “Notte” in questi due meravigliosi contesti - ha detto Tonino Conte - ma sono sicuro che si noteranno grandi differenze, non solo perché ho modificato qualche particolare, ma anche perché saranno diversi alcuni degli attori, ed è chiaro, ognuno recita a modo suo. Per quanto riguarda “Pinocchio”, sento di poter affermare che sarà uno spettacolo totalmente nuovo rispetto alla scorsa primavera, principalmente perché lo abbiamo adattato ad altro luogo - siamo all'aperto e soprattutto non siamo in una chiesa - quindi abbiamo studiato una scenografia adatta, e a parer mio è particolarmente riuscita. Che dire… ci auguriamo un pubblico numeroso, l'anno scorso siamo andati molto oltre le aspettative». Una «malattia» diffusa, questa tosse d'estate, molto contagiosa, capace di trascinare tanti appassionati e affezionati. «Siamo gli unici ad estendere la stagione anche d'estate - dichiara l'orgoglioso “untore” di questo benefico morbo d'agosto, Sergio Maifredi - ed è giusto così, fare teatro vuol dire essere presenti ed attivi sempre, anche sotto la minaccia di caldo e stanchezza». E quest'anno grande novità: la collaborazione con Vodafone Italia permette a chiunque e a prescindere dal proprio operatore telefonico di prenotare gli spettacoli in cartellone semplicemente inviando un sms al 340 4399010, indicando nome, data, titolo, numero di biglietti: insomma, tecnologia avanzata, posto assicurato… senza code né fatica (ci sarà già abbastanza da camminare in questi favolosi itinerari serali!). Un pensiero ai più piccoli, che il 22 e il 23 luglio (ad Apricale) e il 16 e il 25 agosto (a Torino e a Milano) potranno godersi un divertente «Merlin remembers», racconto spettacolo con parti in lingua inglese di Nicholas Brandon, e gli splendidi burattini di Luzzati e Cereseto, attori brillanti de «Il flauto magico», di moda quest'anno tra opera lirica e prosa. Ma veniamo al dunque; grandi o piccini, è comunque sempre la fiaba ad unire le anime; bisogno d'evasione? O semplicemente il gusto di ritrovare dentro di sé tesori nascosti incapaci (per fortuna) di spegnersi? Forse il messaggio è proprio questo: proviamo a vivere la nostra fiaba.