Con Pioneer capitale protetto e guadagni certi

«Total Return Dynamic»: gestione attiva e attento controllo del rischio. «Portafoglio Manager» s’avvale del contributo di specialisti internazionali

Nunzia Pagani

Gli strumenti Total return, ovvero i prodotti che si prefiggono l’obiettivo di ottenere performance positive in ogni situazione di mercato, in un contesto caratterizzato da bassi rendimenti come quello attuale, stanno attirando in maniera crescente l’attenzione degli investitori.
Diventa più forte la richiesta di prodotti che tutelino il capitale nel medio periodo contro possibili ribassi e che offrano rendimenti assoluti, non legati cioè a un indice di riferimento (benchmark) e superiori ai tassi monetari. Pioneer Total Return Dynamic, lanciato da Pioneer Investments lo scorso 21 novembre risponde con efficacia a questi obiettivi. Il comparto ha un obiettivo di rendimento pari all’Euribor +150 punti base, che si propone di ottenere attraverso un portafoglio diversificato che può investire fino a un massimo del 75% in titoli azionari, in titoli obbligazionari di diversa natura emessi da organismi governativi e non, con allocazione residuale in altre asset class e strumenti derivati.
Il prodotto è caratterizzato da una strategia di gestione attiva - un approccio che richiede una analisi quotidiana e approfondita di tutte le opportunità di investimento al fine di selezionare quelle che offrono i migliori margini di apprezzamento - e da un attento controllo del rischio. Il Portafoglio Manager aggiunge valore al portafoglio investito prevalentemente in titoli a breve utilizzando tutti gli strumenti messi a disposizione dai mercati finanziari ed è supportato nella sua attività dalla continua collaborazione con team internazionali di specialisti: gli analisti fondamentali, gli analisti quantitativi e i gestori specializzati su diverse asset class. Il monitoraggio del rischio è uno dei punti di forza di Pioneer Investments che ne considera la gestione come strumento di creazione di valore: per ciascuna tipologia di investimenti vengono valutati oltre al rendimento atteso, anche gli impatti sul rischio di portafoglio. L’obiettivo è quello di ottenere prodotti che a parità di rendimento atteso, minimizzino la probabilità di perdita del capitale. Il gruppo di analisti quantitativi dedicato al controllo delle performance dei portafogli effettua un continuo monitoraggio dei rendimenti con l'obiettivo di simulare il rendimento in base a diversi scenari e fornire indicazioni correttive per migliorare l’efficienza dei portafogli. I risultati dei primi mesi di vita del fondo - operativo dallo scorso 6 maggio - sono positivi, con una performance dal lancio (avvenuto dal 6 maggio 2005 al 27 gennaio 2006) del +3,20% che supera l’obiettivo di investimento (Euribor+150 punti base) e una volatilità molto contenuta.