La Piovano regina di Vienna

Primo successo per la romana. Ottime anche la Zorzi (5ª) e la Sandolo (7ª)

Chiara Levantesi

È arrivato con il Robe di Kappa Ladies European Tour il primo successo della ventiquattrenne romana Federica Piovano, strappato in uno straordinario finale alla francese Gwladys Nocera. Dopo un inizio incerto di stagione, nel Samsung Masters di Singapore e nel Tenerife Open e l’undicesimo posto nell'Open di Spagna, la vincitrice spiega così la prima vittoria: «Quest'inverno mi sono allenata molto. Ho deciso di dare il massimo, impegnandomi a fondo e seguendo gli insegnamenti prima del maestro Pancrazio Venanzi e adesso di David Leadbetter, con il quale mi alleno da un anno ad Orlando».
Tre colpi di ritardo a sei buche dalla fine poi un improvviso cambio di marcia. Dopo una pari sul tee della buca 18 (par 5, metri 404), la Piovano è andata a bersaglio in soli tre colpi per l'eagle, contro il birdie della francese. Al terzo posto con 277, l'inglese Laura Davies e la spagnola Marta Prieto. Gli altri successi italiani sono un buon quinto posto di Veronica Zorzi (278 - 71 67 70 70), alla pari con Kris Lindstrom, e il settimo di Sophie Sandolo (279 - 66 69 71 73). Nel primo giro Sophie Sandolo ha preso il comando insieme a Georgina Simpson e a Marine Monnet con un 66 record del percorso; nel secondo con un eccellente 62 e una sequenza di dieci birdie, la Piovano ed è passata a condurre con tre colpi di vantaggio sulla stessa Sandolo, sulla Nocera e sulla Davies. Nel terzo turno la romana ha avuto una leggera flessione e, girando nel 72 del par, ha permesso alla Nocera di affrontare l'ultima frazione con un colpo di vantaggio. Dopo aver segnato un bogey alla 10, il distacco della Piovano è salito a tre colpi perché la Novera ha colto un altro birdie alla 12. Alla 14 ha accorciato le distanze poi, dalla 15, è iniziata la corsa alla conquista del successo. Alla 16 la Piovano ha realizzato un birdie, ma l’avversaria ha saputo mantenere le distanze. Alla 17, però, la transalpina ha nuovamente accusato un bogey e tutto si è deciso sulla buca 18, affrontata in parità. La Piovano ha posto la palla in buca al terzo colpo, con un putt di otto metri, ottenendo nel modo più difficile una meritatissima vittoria. Ora, la aspetta l’impegno con il BMW Ladies Italian Open a Roma. «Un bis sarebbe fantastico – ha detto - ma ora devo smaltire i postumi del primo successo. Mi auguro di poter ritrovare le forze».
Così le altre italiane: 41ª con 288 Diana Luna (74 73 71 70); 47ª con 289 Isabella Maconi (75 70 74 70); 49ª con 290 Margherita Rigon (74 73 72 71); 55ª con 202 Barbara Paruscio (73 74 76 69). Non hanno superato il taglio: 71ª con 148, un colpo oltre il limite, Monica Cosenza (75 73), Stefania Croce (73 75); 99ª con 152 Tullia Calzavara (79 73); 116ª con 155 Caterina Quintarelli.

Annunci

Altri articoli