Il pirata della strada era già stato espulso

Non doveva essere in Italia, perché raggiunto da un provvedimento di espulsione, il croato che domenica notte, ubriaco, ha causato un incidente mortale sulla statale Romea, vicino Chioggia, fuggendo subito dopo. Lo hanno accertato le indagini dei carabinieri di Chioggia che ieri hanno riportato Rifat Mehovic, 48 anni, in carcere, proprio mentre stava per essere rimesso in libertà su decisione del Tribunale di Padova. I carabinieri, che già ieri avevano scoperto a carico del croato numerosi precedenti penali per reati contro il patrimonio, hanno accertato che lo straniero era in Italia come clandestino, non avendo mai osservato il provvedimento di espulsione dal Paese notificatogli il 10 gennaio scorso dalla questura di Bologna. Per questo l’uomo è stato nuovamente arrestato, in questo caso per violazione della legge Bossi-Fini.